home > Chiese > Chiesa di Santa Maria del Buonconsiglio

Chiesa di Santa Maria del Buonconsiglio

Piazza Santa Maria del Buonconsiglio - 6010 - 70122
INIZIO COSTRUZIONE IX-X secolo
USO ATTUALE Chiesa
Dopo aver percorso l'intera muraglia barese, verso Nord, ci si addentra nel borgo antico e si scoprono gli stretti vicoli che conducono alla piazza di Santa Maria del Buonconsiglio, uno degli angoli più pittoreschi della città vecchia. Demolita negli anni Trenta, nell’ambito di una scellerata opera di restaurazione che si proponeva di riportare alla luce il lato “romanico” della città di Bari, della ex chiesa bizantina, originariamente un edificio absidato a tre navate, rimangono oggi le colonne romane con i rispettivi capitelli in parte corinzi e il pavimento musivo a tasselli policromi. La chiesa era nota alla storiografia locale per le sue origini leggendarie: si narra infatti che sia sorta a seguito di una controversia nata fra Baresi e Bizantini culminata in un omicidio nel 946; i Baresi si opponevano alla decisione dei Bizantini di arrogarsi il diritto di accompagnare le spose all’altare. Il mal consiglio che aveva portato allo spargimento di sangue sarebbe poi sfociato nella tregua, il “buon consiglio” che dà il nome alla chiesa. La struttura dell’ex chiesa ha origini molto antiche. Rilievi effettuati negli anni Ottanta del Novecento hanno infatti rivelato che la struttura risalirebbe a un periodo tra il X e il XII secolo (probabili due fasi di costruzione). Tali ricerche archeologiche hanno portato alla luce reperti che attraversano quasi ogni epoca storica, ripercorrendo la storia della città dall’età del Bronzo al medioevo.
INIZIO COSTRUZIONE IX-X secolo
EDIFICI PRECEDENTI capanna risalente al XVI-XV secolo a.C
La chiesa è stata costruita tra la fine del IX e la metà del X secolo, datazione confermata dal ritrovamento di monete degli imperatori bizantini Teofilo (829-842), Basilio (867-886), Leone VI (886-912) e Costantino VII (913-959). La struttura è a tre navate divise da pilastri e l’intera superficie della chiesa è ricoperta da un pavimento musivo a tasselli policromi strutturato a riquadri con motivi ornamentali diversi (losanghe, rombi, spine di pesce, fiori a sei petali, scacchiera, reticoli), risalente alla ristrutturazione totale che interessò l’edificio tra XI e XII secolo. Dell’antico pavimento musivo risalente al X secolo rimangono pochi tasselli superstiti. Un saggio stratigrafico è potuto risalire a fasi archeologiche antecedenti al IX secolo, fino all’età del Bronzo. È stato infatti rinvenuto un fondo di capanna costruita in pietre calcaree e argilla risalente al XVI-XV secolo a.C (attualmente non visibile).
L’edificio religioso aveva coperto un sepolcrato altomedievale le cui tombe a fossa erano state danneggiate dalla costruzione di una galleria-cisterna. Un secondo sepolcrato su due livelli, medievale e altomedievale, si estendeva nella parte retrostante l’abside, con circa venti tombe a fossa o a cassa, alcune delle quali ricche di corredi (ceramiche, monete, fibbie e monili). La presenza dei due sepolcrati è testimonianza della ricchezza dell’insediamento religioso e segna l’inizio dell’espansione della città verso la sua parte esterna (Lavermicocca).
Dopo il rifacimento dell’edificio nel XII secolo non si hanno più notizie fino al 1560 anno in cui la chiesa iniziò ad ospitare le monache agostiniane, dette “del Rocchetto”, nonché un Monte di Pietà, per il sostentamento delle orfanelle, istituito dalla regina Bona Sforza. Alla morte della Regina fu assegnato all’orfanotrofio, che continuò a funzionare fino al 1824, un legato di mille scudi a coprire la dote di dieci fanciulle della struttura. Dopo il 1824 la chiesa venne abbandonata fino all’ epoca della demolizione avvenuta nel 1939. Vi si venerava la Madonna degli Angeli effigiata in un affresco risalente al XVI-XVII secolo, di cui rimane oggi solo una riproduzione.

Dopo aver percorso la muraglia (vedi scheda) e raggiunto il monastero di Santa Scolastica (vedi scheda), dopo aver percorso qualche decina di metri, addentrandosi nel borgo antico, si arriva in piazza Santa Maria del Buonconsiglio. Oggi tale luogo si presenta come uno spazio aperto, al cui interno si elevano otto colonne e due pilastri rettangolari a cui sono addossati due semicolonne con base modanata. Sono i resti della Chiesa di Santa Maria del Buonconsiglio, demolita nel 1939. L’edificio di culto a tre navate con una sola abside è visibile grazie allo scavo archeologico e ai restauri effettuati nel 1983 che hanno messo in luce i mosaici della pavimentazione a tesselli calcarei policromi e i muri perimetrali. Sei delle otto colonne, tutte di spoglio, sono sormontate da capitelli corinzi che ricordano quelli conservati nel cortile del Castello Svevo, appartenenti probabilmente proprio alle prime due colonne della Chiesa.

Prima dei restauri dell'83, l'immagine della piazza era stata deturpata dall'inserimento di marciapiedi e di un parcheggio, ma le notizie riguardanti la chiesa negli scritti dello storico Antonio Beatillo (Historia di Bari, 1637) e la reverenza dei cittadini per un'antica immagine della Madonna di cui restano deboli tracce, lasciano desumere l'importanza dell’edificio di culto nel contesto dell'edilizia religiosa del borgo antico.

Si diede inizio così ad un'esplorazione archeologica preliminare al restauro, ad opera della Soprintendenza Archeologica, che fece emergere ben tre livelli di pavimentazione della chiesa, corrispondenti a tre fasi. Il primo strato, più profondo, risale al X secolo e corrisponde all’impianto originario della chiesa a tre navate con pilastri con un pavimento musivo costituito da formelle policrome in marmo miste a cotto, accostate a formare motivi geometrici. A distanza di qualche decennio viene innalzato il piano di calpestio di 15 cm, mantenendo sempre una pavimentazione dello stesso tipo e qualità di quella originaria. La seconda fase, risalente al XII secolo, è quella più rilevante, perché la pavimentazione (ritrovata ad 80 cm sotto il piano stradale attuale) è costituita da tessere di calcare e marmo di cm 12x12 e 10x10 circa, con motivi decorativi variamente combinati che ricoprono l'intera navata centrale. Si tratta di una ristrutturazione in cui i pilastri originari vengono sostituiti da colonne e capitelli di spoglio. Infine, la terza ed ultima fase del XVII-XVIII secolo, è deducibile dallo strato a 50 cm dal piano stradale, costituito da murature perimetrali, che emergono insieme ai resti dei pilastri della navata centrale e ad un pavimento di piastrelle in cemento in pessimo stato. Un'indagine sulle murature testimonia la presenza di antiche lesene intonacate che probabilmente costituivano non solo l'apparato decorativo barocco, ma fanno presupporre una copertura a volta per le navate laterali. Si tratta di una consistente ristrutturazione della chiesa che favorì la permanenza delle monache "Rocchettine" fino al 1824, anno in cui la chiesa viene lasciata in uno stato di abbandono, fino alla sua demolizione del 1939. Con i restauri del 1984 sono stati risanati i pavimenti, consolidate le murature, rafforzate le colonne tramite armature in acciaio e ripristinata l'originaria rete viaria intorno alla chiesa.

Durante gli scavi, al di sotto della chiesa, è stato ritrovato inoltre un sepolcreto altomedievale, costituito da tombe a fossa, danneggiate da una cisterna fatta edificare da Bartolomeo de Risi. Ne è testimonianza un'epigrafe posta sul muro perimetrale della chiesa, originariamente collocata sulla porta dell'edificio di culto. Un ulteriore sepolcreto è presente, inoltre, nell'area retrostante l'abside, con oltre venti tombe a fossa e a cassa, alcune delle quali contenenti oggetti di corredo funerario. La presenza dei due sepolcreti testimonia l'importanza dell'insediamento religioso, che ha raggiunto il suo apice nel X-XI secolo. Un'antica tradizione narra dell’usanza che un rappresentante della nobiltà cittadina accompagnasse la sposa in quella chiesa nel giorno delle nozze. Il tentativo di ostacolare questa consuetudine da parte dei bizantini suscitò una rivolta armata dei cittadini baresi, che nel 946, riuscirono a prevalere sui dominatori. A seguito di questi eventi la chiesa, prima denominata della Madonna del Popolo, prese il titolo di Santa Maria del Buonconsiglio. Al di là della veridicità della vicenda, difficilmente dimostrabile, è interessante come l’eco delle turbolenze sociali del X secolo che vede confrontarsi bizantini, longobardi e successivamente normanni per il controllo del territorio e della città, sia rimasto nelle narrazioni e nelle leggende popolari. Un ulteriore motivo di interesse per questo luogo è il ritrovamento dietro l’abside, sempre durante gli scavi del 1983, dei resti di una capanna di forma circolare risalente all’età del bronzo. Il ritrovamento lega questa zona alla vicina area di San Pietro e fa di questa parte urbana, all’estremità della penisola su cui è sorta la città, come una delle prime aree occupate dall’insediamento umano più antico. I resti della capanna non sono visibili attualmente perché ricoperti alla fine dello scavo.

Della chiesa, un tempo denominata Santa Maria del Popolo, poi diventata Santa Maria del Malconsiglio, infine Santa Maria del Buonconsiglio, si tramandano poche e confuse notizie. La più nota tratta da una cronaca di Lupo Protospata relativa a una sorta di “Vespri baresi” descrive della ribellione antibizantina dei cittadini di Bari contro la pretesa dei greci di accompagnare in chiesa le spose dei locali (Beatillo). L’ira repressa dei giovani sposi e dei loro parenti sfociò in una violenta rivolta contro i bizantini, con tanto di spargimento di sangue tra le colonne di Santa Maria. La rissa fu sedata all’ombra del sacro tempio con la ratifica di nuove regole di convivenza. Al di là della veridicità dell’evento, esso è comunque testimonianza dell’ambiente storico-sociale dell’epoca e della incidenza che, nel tessuto sociale della città, avevano le numerose etnie presenti.
Interessante è anche quanto riferito da una iscrizione presente sui muri attorno alla chiesa, relativamente al munifico atto di tale Bartolomeo de Risio: nel 1511 fece costruire una cisterna dove raccogliere l’acqua per dissetare la sitibonda povera gente oppressa dalla calura estiva. Il testo riporta anche il modo di uso dell’acqua ed è stato tramandato dagli scritti del Beatillo.


Come raggiungere la città
airport AEREOPORTO  

Da viale Enzo Ferrari continuare in direzione di Strada Provinciale 204/Viale Gabriele d'Annunzio/SP204. Prendere Viale Europa, SS16, Via Napoli e Corso Vittorio Veneto in direzione di Via Venezia a Bari. Seguire Via Venezia e Largo Papa Urbano II fino a Piazza S. Nicola.

motorway AUTOSTRADA  

Da casello Bari Sud dell’autostrada A14 prendere E843, Viale Giuseppe Tatarella, Sottovia Giuseppe Filippo, Via Brigata Regina e proseguire su Corso Antonio de Tullio in direzione di Via Venezia a Bari. Seguire Via Venezia e Largo Papa Urbano II fino a Piazza S. Nicola.

other MEZZI  

Arrivano nelle vicinanze di Largo Abate Elia le linee AMTAB A (area sosta Piazza Massari)- 2/-10-12/-35.

park PARCHEGGIO  

Lungomare Imperatore Augusto-Area Parcheggio Museo Archeologico

Questo sito utilizza cookie. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all' uso dei cookie. maggiori informazioni

Uso di cookie e tecnologie simili da parte del Comune di Bari



Cosa sono cookie e come vengono utilizzati
Come la maggior parte dei siti internet, Comune di Bari usa file di testo di piccole dimensioni che vengono salvati su computer, tablet o dispositivo mobile dell'utente per registrare determinati dati ogni volta che questi visita o interagisce con il nostro sito.
I nomi e i tipi specifici di cookie possono cambiare nel tempo. Per aiutare l'utente a capire meglio queste regole e l'uso di tali tecnologie da parte di Parliamo Di Videogiochi, di seguito sono riportati alcuni termini con le relative definizioni.
Cookie: piccoli file di testo (formati in genere da lettere e numeri) che vengono salvati nella memoria del browser o del dispositivo dell'utente quando visita un sito o visualizza un messaggio. I cookie consentono a un sito di riconoscere un particolare dispositivo o browser.

Esistono diversi tipi di cookie:
I cookie di sessione scadono al termine della sessione del browser e consentono a Parliamo Di Videogiochi di collegare le azioni dell'utente durante quella sessione specifica. I cookie possono essere disattivati o rimossi usando gli strumenti disponibili nella maggior parte dei browser. Le preferenze relative ai cookie devono essere impostate separatamente per ciascun browser usato, poiché ognuno di essi offre funzionalità e opzioni specifiche.
Tecnologie simili per l'archiviazione di dati: tecnologie che archiviano dati nel browser o dispositivo usando oggetti condivisi a livello locale o archiviazione locale, quali cookie flash, cookie HTML 5 e altri metodi software per applicazioni web. Queste tecnologie funzionano in tutti i browser. In alcuni casi l'uso dell'archiviazione locale non può essere pienamente gestito dai browser, ma richiede la gestione tramite strumenti specifici. Comune di Bari può servirsi di simili tecnologie di archiviazione dati che permettano di garantire la sicurezza del conto dell'utente o per rilevare irregolarità nel comportamento ed evitare accessi non autorizzati al conto dell'utente o per valutare le prestazioni dei siti, servizi, applicazioni o strumenti Parliamo Di Videogiochi. Comune di Bari non usa tali tecnologie di archiviazione dati per adattare la pubblicità nei propri siti e al di fuori di essi al profilo dell'utente.

I termini "cookie" e "tecnologie simili" possono essere usati indistintamente nelle regole di Comune di Bari in riferimento a tutte le tecnologie adoperate per archiviare dati nel browser o dispositivo dell'utente o alle tecnologie che raccolgono dati o che consentono di identificare l'utente nel modo sopra descritto.

Chiudi